25 Novembre 2020
percorso: Home > News > Comunicazione

I due cammini

26-04-2020 12:10 - Comunicazione
Undici chilometri in salita e poi in discesa, è quanto il cammino dei discepoli di Emmaus che percorrono insieme a Gesù.
Prima lo vedono ma non riconoscono e poi pur non vedendolo più, ma sentendolo vicino, fanno la strada a ritroso per andare a portare agli altri “la bella notizia dell'incontro con Gesù Risorto”.

di Don Luca Meacci -Assistente Ecclesiastico Csi Toscana

I discepoli del Vangelo di oggi, sono i testimoni di una svolta: aprono il cuore, ascoltano le Scritture e invitano a casa Gesù. Papa Francesco, indicando due direzioni opposte della vita, chi come quei due all'andata si lascia paralizzare dalle delusioni della vita e va avanti triste e di chi non mette al primo posto sé stesso e i suoi problemi, ma Gesù che cammina con noi. Ecco perché la preghiera è fondamentale sempre, soprattutto in questi momenti drammatici, per tutte le persone che soffrono la tristezza, perché sono sole o perché non sanno quale futuro le aspetta a causa delle conseguenze della pandemia, Gesù cammina sempre con noi.
Il Vangelo di oggi (Lc 24, 13-35) narra l'incontro, di Gesù risorto con i discepoli di Emmaus, e di come questi abbiano riconosciuto il Signore nello spezzare il pane, lo Spirito di Dio scende ed apre i loro occhi. Noi non vediamo Gesù nel suo Corpo, ma possiamo credere.
Il cristianesimo è un incontro con Gesù, il cristiano è uno che si lascia incontrare dal Signore. Noi siamo nati con un seme di inquietudine: il nostro cuore ha sete dell'incontro con Dio, lo cerca. Dio ha sete di incontrarci, a tal punto che ha inviato Gesù per incontrarci, per corrispondere a questa inquietudine. Gesù rispetta il nostro cammino, segue i nostri tempi, è il Signore della pazienza, cammina accanto a noi, ascolta le nostre inquietudini, le conosce. Non accelera il passo, lo condivide. Gesù ascolta, poi risponde. Noi incontriamo Gesù lungo tutto il nostro cammino anche nei momenti bui: ci accompagna perché ha voglia di incontrarci. Per questo diciamo che il nocciolo del cristianesimo è l'incontro con Gesù. La vita della grazia inizia quando incontriamo Gesù. Il Signore - è la preghiera conclusiva del Papa - ci dia la grazia di incontrarlo e sapere che cammina con noi in tutti i momenti: è il nostro compagno di pellegrinaggio.



Fonte: Don Luca Meacci Assistente Ecclesiastico Csi Toscana

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio