09 Agosto 2020
percorso: Home > News > News nazionali

Caro ministro, è una riforma dello sport che non convince

16-07-2020 15:38 - News nazionali

IL PUNTO di Vittorio Bosio presidente Csi nazionale
"Caro ministro, è una riforma dello sport che non convince"
Il 9 luglio è stata rilasciata la bozza del Testo Unico di riforma dello sport disegnata dal ministro Spadafora. Ben 124 pagine in cui si trova di tutto, dagli agenti sportivi alla graduale abolizione del vincolo sportivo sino ad una esatta definizione di “cavallo atleta”. Ciò che manca è proprio una visione globale, strategica dei problemi dello sport italiano, a cominciare dal vizio originale del sistema: aver conservato al Coni il compito, di unico e supremo gestore dello sport. In Italia lo sport si è così sviluppato in maniera sbilanciata, indirizzando al Coni e alle sue Federazioni l’attività di eccellenza, a scapito della diffusione di uno sport di massa praticato dai cittadini per aggregazione, divertimento, bisogno di salute e altre finalità umane e sociali. È un miracolo tutto italiano che questo sport “sociale” sia cresciuto così tanto nei decenni, da raggruppare oggi i due terzi della popolazione sportiva nazionale. Gran parte del merito di tale fioritura va agli Enti di promozione sportiva, che pur tra inevitabili errori e ritardi, hanno consentito a generazioni di italiani di praticare un “altro” sport. In circostanze di forte subalternità al sistema Coni–Federazioni, potendo fruire soltanto delle briciole delle risorse gestite dall’ente olimpico dei cinque cerchi. Il Csi e con esso altri Enti, chiedevano da decenni una legge di riordino complessivo e che si riconoscesse alle due gambe dello sport pari dignità, diritti, indipendenza e peso specifico.
Bene, è proprio ciò che manca nel testo unico di Spadafora. Anzi, l’associazionismo di promozione, che in Italia rappresenta la fetta più consistente del movimento sportivo, è tornato nel limbo di chi esiste, lavora ma non conta. Agli Eps, cioè alla grande rappresentanza del sport di massa, è stato tolto il diritto, riconosciuto negli anni Duemila, di essere seduti nel Consiglio nazionale e nella Giunta Coni. L’unica assise in cui sono ammessi è la nascente “Consulta nazionale dello sport”, convocata almeno una volta l’anno dal Dipartimento dello Sport, neonata struttura amministrativa della Presidenza del Consiglio. La Consulta, però non ha alcun potere reale ed è composta da una larga molteplicità di soggetti. Non si tratta ora di “mettere le mani avanti”, o addirittura di “tirare la tovaglia dalla propria parte”; ma è impossibile assistere inerti ad un simile stravolgimento dello sport italiano.
Gli Eps, che a dispetto della loro diffusione, sono al lumicino in tema di sostegno pubblico stanno subendo un taglio del 30% dei già esigui finanziamenti alle strutture. Se non si rimedia, in autunno, migliaia di società sportive rischiano di non trovare più le attività e i campionati giovanili e amatoriali cui iscriversi. Leggendo il testo unico, ho poi la sensazione che gli Enti e le società vengano accomunati in un unico destino punitivo. E mi domando: perché mai?
Speriamo che il Governo possa ripensarci. E pensarci bene. Nove milioni di cittadini che hanno scelto liberamente di aderire all’associazionismo di promozione restano così senza voce e una chiara collocazione. Vien da pensare che conti di più il benessere del “cavallo atleta”, che quello delle persone, cittadini più o meno giovani, che amano fare attività dilettantistica.


Centro Sportivo Italiano L'angolo del Presidente

pubblicato sul giornale "Avvenire" 16 Luglio 2020




Fonte: Vittorio Bosio Presidente CSI Nazionale

Eventi e manifestazioni

[<<] [Agosto 2020] [>>]
LMMGVSD
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
29-08-2020 - Podismo su Strada
[facebook] [Twitter]
31-08-2020 - Dodgeball
[facebook] [Twitter]

Comitati - Delegazioni

[]
Per accedere cliccare sul logo

CSI Nazionale

Sito Web Direzione Nazionale

[]
www.csi-net.it

Social Network CSI Toscana

[]
[]
[]

CSI Solidarietà

[]
[]

CSI Inclusione cultura sport

[]
Il CSI Toscana organizza con l'Associazione Regionale Toscana Inclusione Cultura e Sport (Artics), il Torneo ARTICS caratterizzato dal primario obiettivo: favorire l'inclusione sociale delle persone che soffrono di disagio psichico. Sono due tornei uno di Calcio a 7 ed uno di Pallavolo Mista, coinvolge dieci gruppi in tutta la regione. Attualmente il Torneo è sospeso, causa emergenza sanitaria Covid19

[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Centro Sportivo Italiano
Comitato Regionale della Toscana
Via delle Mimose, 12 - 50142 Firenze
Tel. 329-5850206
toscana.presidente@csi-net.it
C.F. 05319470489 - P.I. 8009270485
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio