12 Maggio 2021
percorso: Home > News > Il Punto

Non solo co.co.co. Insieme per lo sport del futuro

14-01-2021 11:54 - Il Punto
Da tempo, il Csi chiede a gran voce l’introduzione di norme a tutela del lavoro sportivo. Ho presentato alcune note e riflessioni sul tema anche nella recente audizione alla Camera. In Parlamento, quindi, il lavoro sportivo è all’ordine del giorno non solo con un Decreto, ma anche confrontando le parti interessate. Il momento è delicato perché gli interventi da attuare sull’organizzazione dello sport possono essere devastanti. Molti gli elementi critici del Ddl in preparazione. Fra i più importanti lo status di “dipendente” previsto per chi è impegnato nell’attività sportiva. Questo, che sembrerebbe offrire la maggior tutela possibile a chi lavora, in realtà è un boomerang: in pochi potranno permettersi un’assunzione. Stiamo parlando di migliaia di persone indispensabili per l’attività sportiva e per la gestione degli impianti, visto che sempre più le Amministrazioni locali sono costrette ad esternalizzare i loro impianti. Non dimenticando che chi fissa le regole dovrebbe valutare bene la portata della norma che va ad introdurre. Stando ai testi attuali, ad esempio, i dipendenti pubblici risulterebbero incompatibili con ogni tipologia di lavoro sportivo. Arbitri, giudici e tecnici... costretti ad abbandonare? Quale destino per le società e i campionati che si reggono anche sul loro contributo? Una simile norma, peraltro, introdurrebbe un diverso trattamento fra dipendenti pubblici e privati. Se il legislatore intendesse mettere ordine e introdurre diritti fondamentali per chi lavora, così otterrebbe il risultato opposto: perderemmo il contributo professionale di gente qualificata come pure molte attività finirebbero nel sommerso. Non è questo il concetto di sport del futuro che occorre all’Italia. Altro esempio l’approccio (rivedibile) del decreto che limiterebbe gli introiti da sponsor. La sponsorizzazione è un sostegno che evidenzia diverse aziende o realtà economiche del territorio, spesso migliorando i conti nella gestione degli impianti ma che nello sport di base, anzitutto permette di alleggerire i costi per le famiglie. Ciò mi è particolarmente a cuore: accogliere ragazzi nelle attività sportive, senza esclusioni. È giusto che lo Stato detti le regole, ma allora perché non rivalutiamo le collaborazioni coordinate e continuative? Sono tipiche del lavoro sportivo, ben radicate e collaudate. Con un lavoro non subordinato, flessibile rispetto a orari, festività. Le Co.co.co. non solo appaiono lo strumento più idoneo ma ostacolerebbero il ricorso al lavoro nero o il fiorire di finte partite Iva a forfait.
C’è molto da lavorare su questi decreti, favorendo quel dialogo e confronto, cui il Csi è da subito disponibile.

pubblicato sul giornale Avvenire


Fonte: Vittorio Bosio Presidente CSI Nazionale -AVVENIRE

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio